Pangea

Video di Nicola Baraglia

Pangea non accetta la violenza come un destino già imposto dalla società

Dove lavoriamo > India > Varanasi

Pangea è il viaggio continuo nella vita delle donne. È un viaggio fatto di Ascolto, Accoglienza e Accompagnamento verso un futuro migliore. Lo facciamo ovunque dove lavoriamo e lo facciamo sempre con le stesse tecniche legate all’economia e al microcredito, perché proprio dall’economia che si ricreano le basi per poter ricostruire autonomamente un futuro migliore.

L’autonomia, l’empowerment, la capacità di ritrovare quell’energia che sia dentro di sé. Non l’aiuto, l’assistenzialismo, che non servono a niente, che sono sterili, che sono terra bruciata.

Ecco, Pangea lo fa anche qui in India, un paese meraviglioso, un paese che in tanti in Occidente cercano per i suoi colori, i suoi sapori, le sue suggestioni. Ma un paese, invece, ricco di violenza. Di violenza verso le donne soprattutto. Le donne tanto adorate, tanto visualizzate in questo fiume, in questa madre che è il Gange, e che vengono invece ogni giorno violate sistematicamente; nella fatica quotidiana, nello stupro, nella non possibilità di avere quell’amore tanto sognato.

Pangea allora è qui, varca quella porta stretta fatta di difficoltà di comprensione, fatta rumori, di odori, di tanta gente che confonde, che ammalia o che infastidisce. Pangea supera quella porta, passa quel ponte che separa la città dal progetto, e li trova questi villaggi dove la vita è ancora molto semplice e rurale, ma è fatta veramente di tanta impossibilità di esistere per le donne. E noi non vogliamo che sia così. Non vogliamo accettare questa violenza di un destino già imposto dalla società. E allora anche qui, come in altri luoghi, progettiamo insieme, riuniamo le donne in gruppo, facciamo si che loro prendano confidenza del loro corpo, del loro spirito, e riescono ad avere quell’amicizia tra loro che gli fa dire: No, non ci sto!

•••

Video riprese e montaggio: Nicola Baraglia. Intervista a: Luca Lo Presti, presidente di Fondazione Pangea Onlus