Progetti

Progetto di empowerment femminile a Varanasi

Dove lavoriamo > India > Varanasi

La problematica e i bisogni delle donne.
Varanasi, chiamata in passato Benares, si erge sulle rive del sacro fiume Gange. Tra gli insediamenti più antichi della civiltà umana, è la culla della religione hindu.
Stando all’ultimo censimento del 2011, nella fascia di popolazione 0-6 anni, per ogni 1.000 bambini maschi si registrano solo 885 bambine; differenza dovuta all’aborto di feti femmine durante la gravidanza o l’omicidio di neonate appena dopo il parto.
Su 355 milioni di donne indiane in età riproduttiva, solo il 12% utilizza assorbenti mentre il restante 88% utilizza stracci, terra, cenere e altri materiali poco igienici, tanto che il 70 % delle malattie femminili sono collegate alla scarsa igiene mestruale.
Questi problemi si sommano alle lacune in campo nutrizionale, mancanza di servizi igienico-sanitari e istruzione inadeguata.

Il progetto "Per l’empowerment individuale, economico e sociale delle donne; il contrasto alla povertà, alle violenze e alle dicriminazioni".
Fondazione Pangea, che lavora da anni in partenariato con l'organizzazione indiana Sampark, è stata contattata dalla Fondazione Krishnamurti, che ha sede a Varanasi, e che si occupa dell’educazione di bambini dai 6 ai 18 anni.
La Fondazione Krishnamurti ha chiesto a Pangea-Sampark di aiutarla a sviluppare un progetto a tutto campo tra la popolazione rurale che lavora le loro terre, per rispondere a molteplici bisogni tra cui:

• il lavoro e l’eliminazione della povertà;
• la rimozione delle discriminazioni e delle violenze verso le donne;
• le cure sanitarie.

I progetto vuole promuovere l’emancipazione economica attraverso lo sviluppo d’impresa, la raccolta di risparmio, la concessione di credito, la microfinanza e la creazione di cooperative locali. In una parola, attraverso il programma di Microcredito, tema sul quale Pangea è all’avanguardia da anni, dove tutte le azioni permettono di lavorare olisticamente sulle donne per dare loro la forza di trasformare la propria esistenza.

I primi passi del progetto.
Il progetto è stato avviato nell'aprile del 2017, in partnership tra Pangea e Sampark, con il reclutamento di tre persone di staff e con i primi incontri in 4 villaggi, dai quali sono nati i primi 12 gruppi (per un totale iniziale di circa 200 donne). L'ostacolo maggiore riscontrato all'inizio è la diffidenza, perché già in passato nella zona erano stati attivati programmi governativi per l'avvio del microcredito che si erano poi rivelati dei semplici prestiti con obbligo di restituzione. Pangea e Sampark partono, invece, dal risparmio privato delle donne, che quindi inizialmente gestiscono i loro soldi e seguono corsi di alfabetizzazione finanziaria.

Scarica [QUI il pdf] del Progress Report April-June 2017