Pangea

"Italy Amore mio": Pangea e il cinema sociale

Punto di vista > Pangea

dicembre 2013

Guarda [QUi il trailer del film].

Pangea è partner del film e all’interno sono inseriti due camei (product placement) dedicati a Pangea… scopriteli!

.

Produrre opere cinematografiche a tema Sociale, diciamocelo francamente, non è facile, almeno ponendosi dal punto di vista del Sociale, soggetto dell’opera.

Schematicamente (ditemi voi quali film fanno parte dell’una o dell’altra direzione o le attraversano o sono altrove):

A) da un lato la troppa spettacolarizzazione, cioè il predominare della componente fiction, provoca certo un’adesione emozionale, ma rischia di lasciare in secondo piano l’aspetto di assunzione di consapevolezza. Cioè manca da parte dello spettatore prendere coscienza, commosso o turbato dalla storia del/ della/dei protagonisti, che la narrazione sottende un problema più ampio, più complesso, innestato in modi diversificati nel Sociale evocato dalla singola vicenda.
Che è invece l’obiettivo del Sociale rispetto al Cinema; per le sue caratteristiche intrinseche, il Cinema può diventare un potente strumento di comunicazione delle problematiche ad un pubblico più ampio, non in qualche modo già sensibilizzato, attraverso un taglio espressivo meno esoterico, più capace di essere significativo per tutti.

B) dall’altro una trattazione troppo rigorosa e documentaristica rischia di attrarre e viene apprezzata generalmente da persone già coinvolte, per i restanti rimane “un mattone” “pesantissimo” e quindi il messaggio non passa, quasi viene respinto, esorcizzato dal distanziarlo (invece di assumerlo).

La “finestra” è stretta, anche tenendo conto delle infinite sfumature cinematografiche che attraversano le due direzioni descritte.

Forse Ettore Pasculli (forse: perché sarà la vostra percezione a determinarlo) riesce, nei suoi film a percorrere, attraverso la serietà, la passione e l’esperienza, un sentiero vitale, capace di mediare fiction con consapevolezza, narrazione con realtà, lieto fine con sapore amaro…

Il tema del film “Italy Amore Mio”, il film, è stato realizzato con l’adesione del Presidente della Repubblica Italiana e con il patrocinio del Ministero per l’Integrazione: la forza dell’amore e l’energia della danza per vincere il pregiudizio e conquistare le proprie libertà. Il film affronta le violenze psicologiche e le costrizioni perpetrate in famiglia ai danni di una giovane ragazza rumena, Alina, che sogna di diventare danzatrice, e le sue difficoltà ad integrarsi in un ambiente inizialmente ostile... Un film che parla di discriminazione e di integrazione, di determinazione e di volontà… Temi che Pangea vive ogni giorno in Italia e nel mondo sulla pelle di tutte le donne. Guardiamolo.

Italy Amore mio” è nelle sale UCI Cinemas italiane dal 5 dicembre 2013.

Luigi Restelli
Vice Presidente di Fondazione Pangea Onlus